You are currently browsing the monthly archive for agosto 2010.

IL MISTERO DELLA VITA

Il mistero della vita
penetra nel mistero della morte,
il giorno chiassoso
tace dinanzi al silenzio delle stelle.

Rabindranath Tagore


Nell’estate del 1989 Keith Haring realizza a Pisa, su una delle pareti del Convento di Sant’Antonio, un murale dal titolo “Tuttomondo”. Il tema dell’opera è quello dell’armonia e della pace nel mondo, simboleggiato dagli incastri tra le 30 figure che, come in puzzle, popolano i 150 metri quadrati della parete: un’inedita “connessione visuale” con il concetto di Tout-Monde formulato da Edouard Glissant.

Ho da poco finito di leggere un piccolo libro suggestivo (già citato in qualche posto precedente): “Quando cadono i muri” (edito da Nottetempo) di Edouard Glissant e Patrick Chaimoiseau, due scrittori martinicani, eredi di Aimé Cesaire e teorici della creolità. Il libretto si configura come una riflessione breve ma densa sul tema dell’identità. I due autori individuano e analizzano due tipi di identità: l’“identità a radice unica” (l’identità-muro) e l’”identità relazionale”. La prima caratterizza lo Stato-nazione: è un’identità “forte”, dotata di confini precisi. La seconda si basa su una concezione dinamica secondo la quale ogni identità collettiva è aperta e si deve rapportare con il mondo, con l’altro. Nel Tutto-Mondo (concetto “aperto” che gli autori contrappongono al concetto “chiuso” di Stato-nazione) nessuna cultura, nessuna civiltà raggiunge la pienezza di sé se non entra in relazione con le altre, in un incontro di immaginari liberi e diversi che si fecondano reciprocamente. In base a questo distinzione, Glissant e Chaomoiseau riflettono poi su alcuni temi di attualità: a tal proposito due sono i punti degni di nota. Primo: gli autori evidenziano il carattere “economico”, più che culturale, di molti muri contemporanei: “I muri che si costruiscono oggi (con il pretesto del terrorismo, dell’immigrazione selvaggia o del dio migliore) non si innalzano tra civiltà, culture e identità, ma tra povertà e sovrabbondanza, tra ebbre ma inquiete e opulenze e sterili asfissie”. Secondo: gli autori muovono una critica radicale nei confronti del Ministero dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità (istituito dal  presidente francese Nicolas Sarkozy), contro il quale hanno anche redatto un appello per denunciarne l’assurdità e l’inconsistenza.

La riflessione dei due scrittori caraibici  si inscrive quindi all’interno del pensiero postmoderno (e postcoloniale)  che esalta le identità “deboli, creole e meticcie. Glissant e Chaimoiseau però, per fare questo, hanno optato per uno stile poetico più che saggistico, uno stile ricco di venature evocative e parole pregnanti. Ed è proprio tale aspetto, a mio avviso, a rendere la lettura di questo volumetto particolarmente godibile.

L’appello contro il Ministero francese dell’Immigrazione, dell’Integrazione, dell’Identità:

I muri minacciano tutto il mondo, dall’uno e dall’altro lato della loro oscurità. Finiscono per inaridire ciò che si è già disseccato sul versante della miseria, finiscono per inasprire le reazioni d’ansia che si manifestano sull’altro versante, quello dell’abbondanza. La relazione con l’altro (con qualunque altro, nelle sue presenze animali, vegetali, culturali e, di conseguenza, umane) ci indica la parte più alta, più rispettabile, più feconda di noi stessi. Che cadano i muri.

Noi chiediamo che tutte le forze umane d’Africa, d’Asia, d’Europa, delle Americhe, che tutti i popoli senza Stati, tutti i “repubblicani”, tutti i sostenitori dei “diritti dell’uomo”, gli abitanti dei paesi più piccoli, gli isolani e gli erranti degli arcipelaghi, così come coloro che percorrono i continenti, chiediamo che tutti gli artisti, gli uomini e le donne colti e quelli che trasmettono il sapere, che tutte le autorità al servizio dei cittadini o quelle di buona volontà, che coloro che modellano e creano, levino, in tutte le forme possibili, una protesta contro questo muro-Ministero che cerca di farci adattare al peggio, di abituarci poco a poco all’insopportabile, di portarci a frequentare, in silenzio e fino al rischio della complicità, l’inammissibile.

Tutto il contrario della bellezza.

LA NOTTE BELLA

Quale canto s’è levato stanotte
che intesse
di cristallina eco del cuore
le stelle

Quale festa sorgiva
di cuore a nozze

Sono stato
uno stagno di buio

Ora mordo
come un bambino la mammella
lo spazio

Ora sono ubriaco
d’universo

Giuseppe Ungaretti

“Il lato peggiore del muro è quello di sviluppare in alcune persone un atteggiamento da difensore del muro, di creare una mentalità per la quale il mondo è attraversato da un muro che lo divide in dentro e fuori: fuori ci sono i cattivi e gli inferiori, dentro i buoni e i superiori”

Ryszard Kapuscinki, In viaggio con Erodoto

illustrazione di Laura Medei

Oggi è l’anniversario del massacro di Aigues Mortes, piccola località del Sud della Francia, ad una manciata di chilometri da Montpellier, dove il 17 agosto del 1893 nove migranti italiani furono linciati da una folla inferocita. I nostri connazionali lavoravano nelle saline locali, lavoro duro, poco sano e malpagato e, per giunta, erano vittime di discriminazioni e maltrattamenti da parte degli autoctoni. Le relazioni tra italiani e francesi furono sempre molto tese ma degenerarono completamente nell’estate del 1893, quando si scatenò una vera e propria “caccia all’ italiano” che durò per due giorni e si concluse con il massacro di nove operai italiani (ma altre fonti parlano addirittura di un centinaio di morti).

“Perché solo ricordando che siamo stati un popolo di emigranti vittime di odio razzista, come ha fatto il vescovo di Padova denunciando “segni di paura e di insicurezza che talvolta rasentano il razzismo e la xenofobia, spesso cavalcati da correnti ideologiche e falsati da un’informazione che deforma la realtà”, si può evitare che oggi, domani o dopodomani si ripetano altre cacce all’uomo. Mai più Aigues-Mortes. Mai più”

Gian Antonio Stella,

prefazione del libro “Morte agli Italiani! Il massacro di Aigues-Mortes 1893” di Enzo Barnabà

Per approfondire, un documento molto interessante che ricostruisce minuziosamente l’intera vicenda:

Alessandro Allemano: I FATTI DI AIGUES MORTES – agosto 1893 – E LE LORO RIPERCUSSIONI IN MONFERRATO.

IERI

“Volevamo braccia, sono arrivati uomini”

Max Frisch

(spiegando perché molti svizzeri erano ostili agli emigrati italiani contro i quali avevano indetto tre referendum)

OGGI

“Finché stanno in fabbrica va benissimo, se poi si mettono in testa di fare una vita normale sembra strano”

Riccardo Staglianò*

(riportando le parole del proprietario di una palestra in cui alcuni avventori italiani si sono lamentati per l’eccessivo numero di clienti stranieri)

“QUOTE DI IMMIGRATI”

Sarkozy: “Siamo pronti a ricevere le parti in grigio”

* Riccardo Staglianò, Grazie. Perché senza gli immigrati saremmo perduti, Chiarelettere, Milano, 2010  p.112-113

BUON FERRAGOSTO A TUTTI!

FERRAGOSTO

(parole di S.Bersani/musica di S.Cammariere)

Fai una chiave doppia della stessa porta
per qualunque cosa storta si presenterà
Dopo aver comprato dei lucchetti nuovi
per la tua finestra puoi partire io sto qua

A giocare tra le sponde
con le pozzanghere profonde
buttando l’amo nell’acquario
della mia fantasia

Finisco sul pulmino dei miei vecchi ricordi
ma il campo sportivo l’ha inghiottito l’edera
Seguendo ancora il fiume attracco sul cartone
e piove e mi riparo dietro ad un’edicola…

Ho della sabbia nelle tasche
Ho delle spighe sulle calze
E uno straniero che si fida della mia compagnia

È stato un temporale pigro e passeggero
il sole è su che brucia in cielo sulle tegole
Ma non avevo visto mai un arcobaleno
essere centrato in pieno da una rondine…

come un lampione che si accende
in pieno giorno inutilmente
aspetto il sasso e chi così mi spegnerà

Con il sorriso sulla fronte
tra le pozzanghere profonde
rimango al largo dell’acquario
della mia fantasia.

Journée de pluie et pensées d’amour…=)

MY BABY JUST CARES FOR ME

My baby don’t care for shows
My baby don’t care for clothes
My baby just cares for me
My baby don’t care for cars and races
My baby don’t care for high-tone places

Liz Taylor is not his style
And even Lana Turner’s smile
Is somethin’ he can’t see
My baby don’t care who knows
My baby just cares for me

Baby, my baby don’t care for shows
And he don’t even care for clothes
He cares for me
My baby don’t care
For cars and races
My baby don’t care for
He don’t care for high-tone places

Liz Taylor is not his style
And even Liberace’s smile
Is something he can’t see
Is something he can’t see
I wonder what’s wrong with baby
My baby just cares for
My baby just cares for
My baby just cares for me

Nina Simone

Qualche giorno fa, sul blog “Nuovi Italiani” del Corriere della Sera, ho letto un post  interessante (http://nuovitaliani.corriere.it/2010/08/zanko_il_siriano_di_milano.html) che tratta del rapper Zanko, un ragazzo di 28 anni nato a Milano da genitori siriani. Sono rimasta molto colpita dal testo della sua canzone “Essere normale”, un vero e proprio manifesto degli italiani “figli di immigrati”, quella “seconda generazione/stranieri in ogni nazione”.

Ecco il video e il testo della canzone:

ESSERE NORMALE

Son cresciuto nel quartiere della Centrale-station
dove dire immigrato era dire criminale -nation
e quando rivelavo che la mia famiglia era tale-attention please
mi davan del particolare, tu sembri normale, come se la normalita’ fosse una conquista eccezionale
non dipende mai da te
dipende dalla classe sociale, dal colore della tua carnagione personale
se sei diverso sei in prigione, sei illegale, sei un diverso antisociale
un antipatico,un diverso culturale, un diverso asociale,
invece se ti associano alle caratteristiche della gente locale allora si che sei un pari
sei simpatico e impari ad apparire normale
se para apparir normale bisogna omologarsi sconfinar nel superficiale allora me ne vado mi trasferisco al paranormale

son palestinese,sono siciliano
sono albanese,sono africano
sono cinese,sono latinoamericano, sono napoletano
sono il siriano di milano, metrocosmopolitano
so di essere un essere umano
tutti su un piano, tutti su una mano

e allora sembro normale, meno male,
perlomeno non dovrò rischiare di rubare un lavoro a coloro ke nella vita non vorrebbero mai fare il tuttofare,
potro’ avvicinare una sciura, chiederle una pura curiosita’ senza che abbia paura di un malaffare,
senza che si prenda la premura di guardare la borsetta con cura,
il normale non ruba,non stupra, non frusta le donne, non è frustrato e non ti disgusta,
la sua gente è dalla parte giusta giustamente
se sei di fuori sei di una casta di inferiori
vai bene finchè lavori ma solo sotto gli altri
con salari bassi
consolati perkè se apri
una tua attività non va giu a po’ di benpensanti
crolla il politically correct per i privilegi pericolanti

e troppo spesso si mette un qualsiasi tipo sotto indagine,
nonostante la sua fedina sia pulita e come una vagina vergine
arditamente gli dedicano un cofano di 1000 e oltre pagine,
in accuse rakkiuse in 1000 pratike burocratike
+ che pratiche sadiche,in pratica mi sa che a volte il crimine è
provenire da un’altra terra avere una certa origine
mi sa di ghetto e uso per descriverne il culmine il termine ruggine
come fossimo tutti partecipi di ottike terroristiche
multicultura è cardine di metropoli cosmopolite
te la immagini o no una società cosi sadik
storie arabe akid,fi min bisro’ u fi min bi rid
ieshteghel mnih mshan ma idallu ihasbu shakhs gharib mn tarik
bs ktir marrat hatta aza shakhsito hadid el tekel aa dahro teil
laanno bidallu ihasbu shaks gharib mn baiid
everything is gonna be all right allah karim (Dio è generoso)
dama tra tel disi mi, parola di aarabi made in italy

traduzione del pezzo in arabo
Te la immagini o no una societa cosi amico
storie arabe sicuro
c’è ki ruba e ki desidera lavorare pulito
per non essere considerato un estraneo della strada
pero’ tante volte anke se la sua personalita’ è di ferro
il peso sulle sue spalle è pesante
perkè viene continuamente visto come un estraneo da lontano
….

Per saperne di più:

ZANKO Arabe Blanco-NEW VIDEO ONLINE!!! su MySpace Music. Ascolta gratis MP3, guarda le foto e i video musicali..

A tu per tu con il rapper italosiriano – Milano.

Zanko: un rapper italiano dalle molteplici identità.

Rete G2 – Seconde Generazioni.

about me

26 anni, lettrice accanita, studentessa vagabonda, aspirante antropologa, o in alternativa, allevatrice di asini

ABOUT THE BLOG

Quache anno fa lo scrittore tedesco Peter Schneider affermava che, nonostante la caduta del muro, la gente di Berlino continuava ad avere “il muro in testa”. La barriera reale, fatta di cemento e sabbia, era stata abbattuta ma la linea di separazione tra "noi" e "loro", tra Est e Ovest restava ancora lì, presente e viva, nella mente dei berlinesi. Ovviamente gli abitanti della capitale tedesca non erano e non sono i soli ad avere un muro in testa. Tutti inevitabilmente ne abbiamo uno, inconsistente, immateriale ma estremamente solido: è quell’insieme di idee, stereotipi, pre-giudizi, classificazioni, attraverso il quale tracciamo confini, barriere, decidiamo chi è il diverso, lo straniero, l’altro. Lo scopo del blog è quindi quello di condividere il mio personale e imperfetto sforzo, non certo di abbattere questo muro, pretesa eccessiva e illusoria, ma perlomeno di aprire una breccia, scavare tra i mattoni alla ricerca di fessure che permettano di lanciare uno sguardo a ciò che c’è dall’altra parte, a ciò che per abitudine o indifferenza, tendiamo ad escludere dal nostro orizzonte di intelligibilità, di senso, di vita.

Share this blog

Bookmark and Share

I libri che sto leggendo

http://twitter.com/alexgovinda

Flickr Photos

Altre foto
"Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l'amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare." Tiziano Terzani

Che giorno è?

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 29 follower