You are currently browsing the tag archive for the ‘recensioni’ tag.

”Aglio, menta e basilico” di Jean-Claude Izzo è un libro semplice, caldo e fragrante come il pane.

Un elogio appassionato del Mediterraneo (il “mare bianco di mezzo” come lo chiamano gli arabi), dei suoi sapori (l’aglio, la menta e il basilico, appunto) e, soprattutto, delle sue città: da Tangeri a Napoli, da Barcellona a Genova, da Alessandria a Istanbul. In una sua personale “geografia delle felicità possibili” Izzo dichiara il suo amore sviscerato per queste città mediterranee: “E ognuna di queste città, con le sue stradine strette, tortuose, pullulanti di gente, mi ha offerto i suoi colori, i suoi frutti, i suoi fiori, i gesti dei suoi uomini e lo sguardo delle sue donne”. Ma è Marsiglia, città natale di Izzo, il luogo più amato. Marsiglia “bastarda”, volgare, selvaggia, accattivante come una zingara dallo sguardo fiero e sfacciato. Marsiglia è una donna che ride forte e che si trucca troppo, è una puttana dei vicoli. Ma sta proprio in questa esagerazione il suo fascino più profondo: “Marsiglia esagera, sempre. È la sua essenza”. Spudorata ma accogliente, Marsiglia “si dà senza opporre resistenza a chi sa prenderla, amarla” a quegli uomini perduti, figli dell’esilio che qui hanno trovato casa. Hommes perdus d’autres ports, qui portez avec vous la conscience du monde…

Il libro di Izzo non è però solamente un poetico canto d’amore per il Mediterraneo, esso delinea anche una visione politica dell’ “esperienza mediterranea”, intesa come espressione di una nuova cultura aperta, meticcia, creola che si oppone al pensiero omologante e separatista del Nord (della Banca mondiale e dei capitali privati internazionali): “ Sì, guardando il mare credo che se c’è un futuro per l’Europa, un futuro bello, è in ciò che Edouard Glissant chiama ‘creolità mediterranea’”.  Izzo, al “pensiero atlantico” dominante, contrappone così un’ “alternativa mediterranea”, per la quale il “mare di mezzo” possa tornare ad essere uno spazio aperto, fluido, un ponte, un legame. Il libro di Izzo tocca così alcune tematiche di stridente attualità: viviamo infatti in un epoca “atlantica”, dominata da un capitalismo sfrenato, in cui anche il tollerante Mediterraneo sta diventando sempre più un muro tra Europa e mondo arabo, tra Oriente e Occidente e un cimitero per milioni di migranti, per quei “dannati della terra” che bussano alle porte di una Fortezza Europa sempre più impaurita e ripiegata nella sua arrogante ma fragile solitudine. In tal senso il messaggio di apertura dello scrittore francese si configura come una vera e propria boccata d’aria,  rinnovando la speranza che il Mediterraneo possa diventare un “appello alla riconciliazione”, uno spazio di connessione e di incontro.

“Lì con lo sguardo perso, innamorato, ricordo che mi sono detto che non c’è niente di più bello, di più significativo, per chi ama con lo stesso amore l’Africa e il Mediterraneo, che contemplare la loro unione in questo mare”


“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo senza chiedere nulla.” Questa bella frase di Tiziano Terzani basterebbe a descrivere, con brevità ed efficacia, “In viaggio con Erodoto” di Ryszard Kapuscinski. In questo testo un po’ insolito, infatti, i famosi reportage del giornalista polacco si intrecciano con le “Storie” di Erodoto, in un incessante andirivieni tra il “qui” e il “là” (in una prospettiva sia geografica che storica), un continuo “varcare le frontiere” del tempo e dello spazio tra il mondo dell’Antica Grecia e il XX° secolo.  Per Kapuscinki il capolavoro dello scrittore greco rappresenta un vero e proprio livre de chevet, un testo da leggere e rileggere, da interpretare e interrogare perché  “il libro del greco, come ogni opera veramente grande, va letto e riletto, scoprendo a ogni lettura nuovi contenuti, immagini e significati. Ogni grande libro ne contiene a sua volta degli altri, ognuno dei quali va approfondito e capito”. Ed è proprio per questo che in ogni suo viaggio, dalla Cina all’India, dal Senegal all’Iran, dal Sudan all’Algeria, Kapuscinski porta con sé il libro, compagno di viaggio silenzioso ma prezioso, e come in una sorta di rito inconscio, in ogni posto in cui si trova, lo apre e ne legge qualche pagina alla ricerca di corrispondenze tra ciò che descrive Erodoto e quello che il reporter polacco vede scorrere davanti ai propri occhi. Le “Storie” diventano così il fil rouge degli innumerevoli viaggi di Kapuscinski, una chiave d’accesso per comprendere il microcosmo delle passioni umane e il macrocosmo delle vicende storiche ed Erodoto, nonostante i secoli che li separano, si rivela per il grande giornalista polacco uno spirito affine, un’anima gemella, un individuo mosso proprio come lui “dalla curiosità del mondo, dal desiderio di esserci, di vedere e sperimentare in prima persona” e che “solo in viaggio [..] si sente se stesso e a casa propria”.  Erodoto, già considerato da molti come un storico ed un antropologo ante litteram, diventa così per Kapuscinski il primo grande reporter della storia, fonte di ispirazione e di confronto.

Il testo di Kapuscinki è un inno appassionato al viaggio e al libro e, soprattutto, alla loro viscerale compenetrazione: viaggiare e leggere sono due universi di esperienza che si intrecciano fecondamente, prolungandosi l’uno nell’altro. E a una come me che prima di partire per un viaggio (ma anche solamente per uscire di casa) si preoccupa sempre di mettere un libro in borsa o in valigia per neutralizzare l’imbarazzo della solitudine e il senso di estraneità, questo libro non poteva che risultare ricco di profonde e affascinanti risonanze.

Stasera Rete Quattro dovrebbe trasmettere American History X. Io l’ho visto qualche mese fa in lingua originale e sottotitoli francesi e già vi dico che, se non lo avete ancora visto, consiglio di non perderlo. Il film mette in scena la storia di Derek Vinyard (interpretato magnificamente da Edward Norton), un ragazzo della tipica working class americana che vive in una periferia ottusa, monotona e intrisa di violenza. Derek è uno skinhead dallo sguardo allucinato del borderliner che odia tutto ciò che è diverso da lui: gli omossessuali, i clandestini messicani, gli ebrei e soprattutto i neri. Una sera, dopo un tentativo di furto da parte di tre ragazzi di colore, li massacra come se niente fosse (crudissima la scena dell’ultimo omicidio) e finisce in carcere.  Qui inizia però il suo percorso di cambiamento e consapevolezza: in prigione infatti si rende conto che il “gruppo dei nazisti”, nonostante le svastiche tatuate e le teste rasate, non rispetta pienamente l’ideologia di purezza professata, trafficando con gli altri “gruppi” tra cui i messicani e i neri. Disgustato dall’ipocrisia dei tenenti del white power Derek si allontana da loro e, come punizione, viene picchiato e violentato dai suoi ex amici. Sempre più “in crisi” e impaurito, Derek si trova senza protezione con il rischio di essere aggredito anche dai membri degli altri “gruppi”, ma inaspettattamente (dal punto di vista di Derek) un detenuto di colore prende le sue difese e in qualche modo lo salva. Ed è proprio l’incontro con questo ragazzo a segnare la definitiva svolta nella mente e nel cuore di Derek: lavorando a stretto contatto con il ragazzo nero nella lavanderia della prigione, Derek si rende conto che i “negri” sono persone come tutte le altre, con cui si può discutere, parlare, scherzare, ridere. Le scene più significative del film sono, a mio parere, proprio quelle in cui Derek e il ragazzo nero si prendono in giro reciprocamente ridendo l’uno dell’altro (e anche di se stessi). Ridere insieme permette ai due ragazzi di avvicinarsi, di entrare in contatto diretto al dì la di ogni idea precostituita e stereotipata. Ridere insieme si rivela un fortissimo antidoto contro ogni forma di razzismo mettendone a nudo la profonda assurdità e, oserei dire, disumanità. A mio avviso, questo è il messaggio più bello e potente del film, che però non prevede un lieto fine: nonostante la consapevolezza acquisita in carcere, una volta uscito, Derek dovrà scontrarsi con l’ottusità cieca e fanatica degli amici di sempre, della fidanzata e soprattutto del fratello Danny.

“L’odio è una palla al piede: la vita è troppo breve per passarla sempre arrabbiati,
non ne vale la pena”

Ho da poco finito di leggere un piccolo libro suggestivo (già citato in qualche posto precedente): “Quando cadono i muri” (edito da Nottetempo) di Edouard Glissant e Patrick Chaimoiseau, due scrittori martinicani, eredi di Aimé Cesaire e teorici della creolità. Il libretto si configura come una riflessione breve ma densa sul tema dell’identità. I due autori individuano e analizzano due tipi di identità: l’“identità a radice unica” (l’identità-muro) e l’”identità relazionale”. La prima caratterizza lo Stato-nazione: è un’identità “forte”, dotata di confini precisi. La seconda si basa su una concezione dinamica secondo la quale ogni identità collettiva è aperta e si deve rapportare con il mondo, con l’altro. Nel Tutto-Mondo (concetto “aperto” che gli autori contrappongono al concetto “chiuso” di Stato-nazione) nessuna cultura, nessuna civiltà raggiunge la pienezza di sé se non entra in relazione con le altre, in un incontro di immaginari liberi e diversi che si fecondano reciprocamente. In base a questo distinzione, Glissant e Chaomoiseau riflettono poi su alcuni temi di attualità: a tal proposito due sono i punti degni di nota. Primo: gli autori evidenziano il carattere “economico”, più che culturale, di molti muri contemporanei: “I muri che si costruiscono oggi (con il pretesto del terrorismo, dell’immigrazione selvaggia o del dio migliore) non si innalzano tra civiltà, culture e identità, ma tra povertà e sovrabbondanza, tra ebbre ma inquiete e opulenze e sterili asfissie”. Secondo: gli autori muovono una critica radicale nei confronti del Ministero dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità (istituito dal  presidente francese Nicolas Sarkozy), contro il quale hanno anche redatto un appello per denunciarne l’assurdità e l’inconsistenza.

La riflessione dei due scrittori caraibici  si inscrive quindi all’interno del pensiero postmoderno (e postcoloniale)  che esalta le identità “deboli, creole e meticcie. Glissant e Chaimoiseau però, per fare questo, hanno optato per uno stile poetico più che saggistico, uno stile ricco di venature evocative e parole pregnanti. Ed è proprio tale aspetto, a mio avviso, a rendere la lettura di questo volumetto particolarmente godibile.

L’appello contro il Ministero francese dell’Immigrazione, dell’Integrazione, dell’Identità:

I muri minacciano tutto il mondo, dall’uno e dall’altro lato della loro oscurità. Finiscono per inaridire ciò che si è già disseccato sul versante della miseria, finiscono per inasprire le reazioni d’ansia che si manifestano sull’altro versante, quello dell’abbondanza. La relazione con l’altro (con qualunque altro, nelle sue presenze animali, vegetali, culturali e, di conseguenza, umane) ci indica la parte più alta, più rispettabile, più feconda di noi stessi. Che cadano i muri.

Noi chiediamo che tutte le forze umane d’Africa, d’Asia, d’Europa, delle Americhe, che tutti i popoli senza Stati, tutti i “repubblicani”, tutti i sostenitori dei “diritti dell’uomo”, gli abitanti dei paesi più piccoli, gli isolani e gli erranti degli arcipelaghi, così come coloro che percorrono i continenti, chiediamo che tutti gli artisti, gli uomini e le donne colti e quelli che trasmettono il sapere, che tutte le autorità al servizio dei cittadini o quelle di buona volontà, che coloro che modellano e creano, levino, in tutte le forme possibili, una protesta contro questo muro-Ministero che cerca di farci adattare al peggio, di abituarci poco a poco all’insopportabile, di portarci a frequentare, in silenzio e fino al rischio della complicità, l’inammissibile.

Tutto il contrario della bellezza.

Ho appena finito di guardare il  documentario “Ulysse Clandestin”  del regista francese Thomas Lacoste. Il lungometraggio è una sorta di film-manifesto per la soppressione del Ministero dell’Identità Nazionale e dell’Immigrazione che, dalla sua creazione nel 2007  (fortemente voluta dell’attuale presidente Nicolas Sarkozy), ha scatenato polemiche e dibatti infuocati nell’Esagono. Il film tratta quindi dell’immigrazione e dell’identità francese e lo fa attaverso due modalità diverse ma intrecciate: da un lato possiamo ascoltare le parole di eminenti studiosi transalpini del calibro di Françoise Heritier, Tzvetan Todorov, Marcel Etienne etc che, attraverso gli strumenti di varie discipline (antropologia, storia etc) analizzano, in modo intenso e problematico, la questione dell’identità francese e il suo rapporto con il fenomeno migratorio, dall’altro vi è una voce fuori campo che narra il viaggio, attraverso il deserto e  il mare, di un’immigrata clandestina verso l’Europa. Il film si configura  così come un intreccio di più voci: quelle degli studiosi, voci importanti, note, prestigiose e quella fuori campo anonima, senza volto, “clandestina” ma presentata come altrettanto autorevole e degna di essere ascoltata. Vi consiglio di vederlo e di ascoltarlo (però, per il momento, è solo in francese).

“Ulysse Clandestin”, un film (93′) pour la nécessaire suppression du ministère de l’Immigration et de l’Identité nationale, est un long métrage de Thomas Lacoste avec la participation des historiens Pap Ndiaye (EHESS), Gérard Noiriel (EHESS), Tzvetan Todorov (CNRS) et Sophie Wahnich (CNRS), des anthropologues Michel Agier (EHESS), Marcel Detienne (EPHE), Françoise Héritier (Collège de France) et Emmanuel Terray (EHESS) et des sociologues Luc Boltanski (EHESS) et Eric Fassin (ENS).

link:

La Bande Passante.

Pour la suppression du ministère de l’Identité nationale et de l’Immigration.

“Pour soutenir cette initiative et les futurs films, vous pouvez acheter le DVD 12€ (frais de port inclus) par paiement en ligne sur le site http://www.labandepassante.org ou par chèque à l’ordre de L’Autre association, 3 rue des Petites Ecuries, F-75010 Paris. Merci de nous informer de toutes initiatives afin que nous relayons l’information sur nos différents sites à info@labandepassante.org.”

Ho da poco finito di leggere un piccolo libro suggestivo (già citato in qualche post precedente): “Quando cadono i muri” (edito da Nottetempo) di Patrick Chamoiseau e Edouard Glissant, i due più importanti scrittori martinicani, eredi di Aimé Cesaire e teorici della creolità. Il libretto è una riflessione breve ma densa sul tema dell’identità. I due autori individuano e analizzano due tipi di identità: l'”identità a radice unica” (l’identità-muro) e l'”identità relazionale“. La prima caratterizza lo Stato-nazione: è un’identità “forte”, dotata di confini precisi. La seconda invece fa leva su una concezione dinamica secondo la quale ogni identità collettiva è aperta, si deve continuamente rapportare con il mondo, con l’altro. Nel Tutto-mondo (concetto “aperto” che gli autori oppongono al concetto “chiuso” di Stato-nazione) nessuna cultura, nessuna civiltà raggiunge la pienezza se non entra in relazione con le altre, in un incontro di immaginari diversi che si fecondano reciprocamente. Non esiste identità senza alterità, dunque. In base a questa distinzione Glissant e Chaimoseau riflettono, poi, su alcuni temi di attualità: due punti, a mio parere, sono degni di nota. Primo:  gli autori mettono in evidenza il carattere “economico”, più che culturale, di molti muri contemporanei: “I muri che si costruiscono oggi (con il pretesto del terrorismo, dell’immigrazione selvaggia o del dio migliore) non si innalzano tra civiltà, cultre o identità, ma tra povertà e sovrabbondanza, tra ebbre e inquiete opulenze e sterili asfissie“. Secondo: gli autori muovono una critica radicale nei confronti del Ministero dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità istituito dal presidente francese Nicolas Sarkozy, contro cui hanno anche redatto un appello per denunciarne l’assurdità e l’inconsistenza.

La riflessione dei due autori caraibici si inscrive quindi nel pensiero postmoderno (e postcoloniale) che esalta le identità “deboli”, creole, meticce. Glissant e Chaimoseau però, per fare questo, hanno optato per un stile poetico più che saggistico, uno stile ricco di venature evocative e parole pregnanti. Ed è proprio tale aspetto, a mio parere, a rendere la lettura di questo volumetto particolarmente godibile.

L’appello contro il Ministero francese dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità:

I muri minacciano tutto il mondo, dall’uno e dall’altro lato della loro oscurità. Finiscono per inaridire ciò che si è già dissecato su versante della miseria, finiscono per inasprire le reazioni d’ansia che si manifestano sull’altro versante, quello dell’abbondanza. La relazione con l’altro (con qualunque altro, nelle sue presenze umane, vegetali, cullturali e, di conseguenza, umane) ci indica la parte più alta, più rispettabile, più feconda di noi stessi. Che cadano i muri.

Noi chiediamo che tutte le forze umane d’Africa, d’Asia, d’Europa, delle Americhe, che tutti i popoli senza Stati, tutti i “repubblicani”, tutti i sostenitori dei “diritti dell’uomo”, gli abitanti dei paesi più piccoli, gli isolani e gli erranti degi arcipelaghi, così come coloro che percorrono i continenti, chiediamo che tutti gli artisti, gli uomini e le donne colti e quelli che tramettono il sapere, che tutte le autorità al servizio dei cittadini o quelle di buona volontà, che coloro che modellano e creano, levino, in tutte le forme possibili, una protesta contro questo muro-Ministero che cerca di farci adattare al peggio, di abituarci poco a poco a l’insopportabile, di portarci a frequentare, in silenzio e fino al rischio della compicità, l’inammissibile.

Tutto il contrario della bellezza.

about me

26 anni, lettrice accanita, studentessa vagabonda, aspirante antropologa, o in alternativa, allevatrice di asini

ABOUT THE BLOG

Quache anno fa lo scrittore tedesco Peter Schneider affermava che, nonostante la caduta del muro, la gente di Berlino continuava ad avere “il muro in testa”. La barriera reale, fatta di cemento e sabbia, era stata abbattuta ma la linea di separazione tra "noi" e "loro", tra Est e Ovest restava ancora lì, presente e viva, nella mente dei berlinesi. Ovviamente gli abitanti della capitale tedesca non erano e non sono i soli ad avere un muro in testa. Tutti inevitabilmente ne abbiamo uno, inconsistente, immateriale ma estremamente solido: è quell’insieme di idee, stereotipi, pre-giudizi, classificazioni, attraverso il quale tracciamo confini, barriere, decidiamo chi è il diverso, lo straniero, l’altro. Lo scopo del blog è quindi quello di condividere il mio personale e imperfetto sforzo, non certo di abbattere questo muro, pretesa eccessiva e illusoria, ma perlomeno di aprire una breccia, scavare tra i mattoni alla ricerca di fessure che permettano di lanciare uno sguardo a ciò che c’è dall’altra parte, a ciò che per abitudine o indifferenza, tendiamo ad escludere dal nostro orizzonte di intelligibilità, di senso, di vita.

Share this blog

Bookmark and Share

I libri che sto leggendo

http://twitter.com/alexgovinda

Flickr Photos

"Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l'amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare." Tiziano Terzani

Che giorno è?

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 29 follower