You are currently browsing the monthly archive for aprile 2010.

È da parecchio tempo che non scrivo sul blog… sto attraversando la cosiddetta “fase dello struzzo”: vorrei mettere la testa sotto la sabbia e isolarmi dai rumori del mondo. Diciamo che in questo periodo il sogno di dedicarmi all’eremitaggio e di ritirarmi su un monte, alla Terzani, si è considerevolmente acuito. =)

Ciononostante, data la mia natura irrimediabilmente ottimista, questo periodo di “crisi”, di ricerca di fragili equilibri tutto sommato non mi dispiace: l’imprevedibilità, l’insicurezza e la “paura” per il futuro, a mio avviso,  sono preferibili a una vita programmata nei minimi particolari. Ho deciso di scommettere sull’intensità del vivere piuttosto che sulla stabilità. Les jeux sont faits. Rien ne va plus.


Forma di probabilità

Dissemino le stelle intorno al mio corpo

Comunicando con ogni fibra sensibile, con ogni cellula:

cosa sono il nome, il verbo, l’identità?

Né il divieto mi annulla

Né l’imperativo mi plasma

Né il nome mi contiene

Wafaa Lamrani

In Valentina Colombo (a cura di), Non ho peccato abbastanza. Antologia di poetesse arabe contemporanee, Mondadori, Milano, 2007

about me

26 anni, lettrice accanita, studentessa vagabonda, aspirante antropologa, o in alternativa, allevatrice di asini

ABOUT THE BLOG

Quache anno fa lo scrittore tedesco Peter Schneider affermava che, nonostante la caduta del muro, la gente di Berlino continuava ad avere “il muro in testa”. La barriera reale, fatta di cemento e sabbia, era stata abbattuta ma la linea di separazione tra "noi" e "loro", tra Est e Ovest restava ancora lì, presente e viva, nella mente dei berlinesi. Ovviamente gli abitanti della capitale tedesca non erano e non sono i soli ad avere un muro in testa. Tutti inevitabilmente ne abbiamo uno, inconsistente, immateriale ma estremamente solido: è quell’insieme di idee, stereotipi, pre-giudizi, classificazioni, attraverso il quale tracciamo confini, barriere, decidiamo chi è il diverso, lo straniero, l’altro. Lo scopo del blog è quindi quello di condividere il mio personale e imperfetto sforzo, non certo di abbattere questo muro, pretesa eccessiva e illusoria, ma perlomeno di aprire una breccia, scavare tra i mattoni alla ricerca di fessure che permettano di lanciare uno sguardo a ciò che c’è dall’altra parte, a ciò che per abitudine o indifferenza, tendiamo ad escludere dal nostro orizzonte di intelligibilità, di senso, di vita.

Share this blog

Bookmark and Share

I libri che sto leggendo

http://twitter.com/alexgovinda

Flickr Photos

"Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l'amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare." Tiziano Terzani

Che giorno è?

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 29 follower