Ho da poco finito di leggere un piccolo libro suggestivo (già citato in qualche post precedente): “Quando cadono i muri” (edito da Nottetempo) di Patrick Chamoiseau e Edouard Glissant, i due più importanti scrittori martinicani, eredi di Aimé Cesaire e teorici della creolità. Il libretto è una riflessione breve ma densa sul tema dell’identità. I due autori individuano e analizzano due tipi di identità: l'”identità a radice unica” (l’identità-muro) e l'”identità relazionale“. La prima caratterizza lo Stato-nazione: è un’identità “forte”, dotata di confini precisi. La seconda invece fa leva su una concezione dinamica secondo la quale ogni identità collettiva è aperta, si deve continuamente rapportare con il mondo, con l’altro. Nel Tutto-mondo (concetto “aperto” che gli autori oppongono al concetto “chiuso” di Stato-nazione) nessuna cultura, nessuna civiltà raggiunge la pienezza se non entra in relazione con le altre, in un incontro di immaginari diversi che si fecondano reciprocamente. Non esiste identità senza alterità, dunque. In base a questa distinzione Glissant e Chaimoseau riflettono, poi, su alcuni temi di attualità: due punti, a mio parere, sono degni di nota. Primo:  gli autori mettono in evidenza il carattere “economico”, più che culturale, di molti muri contemporanei: “I muri che si costruiscono oggi (con il pretesto del terrorismo, dell’immigrazione selvaggia o del dio migliore) non si innalzano tra civiltà, cultre o identità, ma tra povertà e sovrabbondanza, tra ebbre e inquiete opulenze e sterili asfissie“. Secondo: gli autori muovono una critica radicale nei confronti del Ministero dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità istituito dal presidente francese Nicolas Sarkozy, contro cui hanno anche redatto un appello per denunciarne l’assurdità e l’inconsistenza.

La riflessione dei due autori caraibici si inscrive quindi nel pensiero postmoderno (e postcoloniale) che esalta le identità “deboli”, creole, meticce. Glissant e Chaimoseau però, per fare questo, hanno optato per un stile poetico più che saggistico, uno stile ricco di venature evocative e parole pregnanti. Ed è proprio tale aspetto, a mio parere, a rendere la lettura di questo volumetto particolarmente godibile.

L’appello contro il Ministero francese dell’Immigrazione, dell’Integrazione e dell’Identità:

I muri minacciano tutto il mondo, dall’uno e dall’altro lato della loro oscurità. Finiscono per inaridire ciò che si è già dissecato su versante della miseria, finiscono per inasprire le reazioni d’ansia che si manifestano sull’altro versante, quello dell’abbondanza. La relazione con l’altro (con qualunque altro, nelle sue presenze umane, vegetali, cullturali e, di conseguenza, umane) ci indica la parte più alta, più rispettabile, più feconda di noi stessi. Che cadano i muri.

Noi chiediamo che tutte le forze umane d’Africa, d’Asia, d’Europa, delle Americhe, che tutti i popoli senza Stati, tutti i “repubblicani”, tutti i sostenitori dei “diritti dell’uomo”, gli abitanti dei paesi più piccoli, gli isolani e gli erranti degi arcipelaghi, così come coloro che percorrono i continenti, chiediamo che tutti gli artisti, gli uomini e le donne colti e quelli che tramettono il sapere, che tutte le autorità al servizio dei cittadini o quelle di buona volontà, che coloro che modellano e creano, levino, in tutte le forme possibili, una protesta contro questo muro-Ministero che cerca di farci adattare al peggio, di abituarci poco a poco a l’insopportabile, di portarci a frequentare, in silenzio e fino al rischio della compicità, l’inammissibile.

Tutto il contrario della bellezza.

Annunci